Il Mondo che verrà

Fotografare il futuro

Si può raccontare in un’immagine quel che ancora non c’è? Fotografare il futuro.
La sfida era difficile, eppure nessuno dei 50 fotografi a cui abbiamo girato la domanda si è tirato indietro.
Ciascuno ha attinto al presente per dislocarsi in un domani personale, provocatorio, audace.
Siamo parte di una cultura che documenta le sue esperienze nel momento esatto in cui accadono.
Questa pandemia è stata raccontata da ogni mascherina, finestra, balcone, pezzo di strada… Eppure la fotografia, se fa il suo mestiere, coglie l’istante senza l’intenzione di trattenerlo, per consentire a noi di abitarlo.

Gli effetti imprevedibili di questa operazione sono dovuti alla materia prima, luce e tempo, direbbe John Berger. Dunque vale per uno scatto quel che vale per la scrittura, è perfetto quando non c’è più niente da togliere.

La mostra digitale “Il mondo che verrà”, visibile al seguente link, realizzata in collaborazione con IL, magazine de Il sole 24 ORE, raccoglie sogni, visioni, paesaggi, frammenti, dettagli ravvicinatissimi, panoramiche che aprono orizzonti di un tempo che ricomincia a scorrere. E di un futuro migliore, peggiore, diverso, nuovo.

AVVISO AL PUBBLICO

La Collezione Permanente e la mostra Exposure potrebbero essere soggette
alle seguenti chiusure:

  • VENERDÌ 12 LUGLIO dalle ore 14.30 alle ore 17.30 per l’indizione di un’assemblea sindacale del personale di sala;
  • DOMENICA 14 LUGLIO, a causa di uno sciopero del personale di sala;
  • LUNEDÌ 15 LUGLIO dalle ore 14:00 alle ore 18:00, per l’indizione di un’assemblea sindacale del personale di custodia;
  • VENERDÌ 19 LUGLIO, a causa di uno sciopero generale nazionale.

Le mostre Martin Parr. Short & Sweet e Tatuaggio. Storie dal Mediterraneo rimarranno regolarmente aperte.

Ci scusiamo per ogni possibile disagio.