114 events found.

EMIGRARE A MILANO

MUDEC_Banner_1200x628_4Il cuore tra due luoghi: esperienze di multilocalismo

Civil Week 3/8 marzo 2020

Giovedì 5 marzo ore 18:30 – Spazio delle Culture “Khaled al-Asaad”

Un report che affronta il tema dell’immigrazione femminile di origine Est europea, in particolare romena e ucraina, nella città di Milano. Nel campo di studi sul tema della mobilità si parla del fenomeno del multilocalismo, per indicare quegli stili di vita caratterizzati dall’abitare attivamente in più luoghi. Poiché la presenza in un luogo comporta la sua assenza negli altri, l’individuo multi-locale deve sapere gestire questo parallelismo temporale di presenza-assenza acquisendo un’identità capace di combinare cognitivamente i diversi luoghi della sua vita quotidiana. Una competenza che va al di là del sapersi muovere e dell’abitare periodicamente in un dato posto e che richiede, piuttosto, la capacità di vivere contemporaneamente in più luoghi.

Il curatore del report, Matteo Colleoni (Università di Milano-Bicocca), presenterà i principali risultati della
ricerca e ne discuterà con Tetyana Bezruchenko (Centro culturale Wikiraine), Silvia Dumitrache
(ADRI – Associazione Donne Romene in Italia) e Violeta Popescu (Centro Culturale Romeno).
Coordina Carlo Berizzi (AIM).

A tutte le presenti verrà donato un Mărțișor, piccolo amuleto realizzato con filo bianco e rosso, che celebra
l’inizio della primavera (in collaborazione con il Centro Culturale Romeno).

A cura di AIM (Associazione Interessi Metropolitani) e Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale
dell’Università di Milano-Bicocca

ROBOT. THE HUMAN PROJECT

ROBOT_2220x1120_AdultiVisita guidata per adulti (75′)

Giovedì 5 marzo ore 19.30

Dai primi congegni meccanici dell’antica Grecia alle macchine di Leonardo, dagli automi che stupivano le corti barocche alle moderne meraviglie della tecnologia, l’uomo è sempre stato attratto dall’idea di creare un proprio simile artificiale, il robot. L’avventura della Robotica è un racconto affascinante che il Mudec affronta in una mostra che mette al centro del percorso i robot, tra passato, presente e futuro. Con un approccio fortemente interdisciplinare il pubblico potrà seguire l’evolversi della robotica attraverso un allestimento che esalta l’immersività e l’interazione e dove viene esibita una vasta collezione di esempi storici e moderni, molti dei quali funzionanti, provenienti dai più importanti istituti di ricerca italiani.

Prenota al link

ROBOT. THE HUMAN PROJECT

ROBOT_2220x1120_AdultiVisita guidata per adulti (75′)

Sabato 7 marzo ore 16.00

Dai primi congegni meccanici dell’antica Grecia alle macchine di Leonardo, dagli automi che stupivano le corti barocche alle moderne meraviglie della tecnologia, l’uomo è sempre stato attratto dall’idea di creare un proprio simile artificiale, il robot. L’avventura della Robotica è un racconto affascinante che il Mudec affronta in una mostra che mette al centro del percorso i robot, tra passato, presente e futuro. Con un approccio fortemente interdisciplinare il pubblico potrà seguire l’evolversi della robotica attraverso un allestimento che esalta l’immersività e l’interazione e dove viene esibita una vasta collezione di esempi storici e moderni, molti dei quali funzionanti, provenienti dai più importanti istituti di ricerca italiani.

Prenota al link

ROBOTICA! Visita guidata e laboratorio di robotica e coding

Attività per famiglie con bambini da 6 a 11 anni (durata 90 minuti)

Domenica 8 marzo ore 11:00 e ore 15:00

Creature davvero strane questi robot! Di metallo sono fatti i loro corpi. Cavi, ingranaggi e circuiti muovono i loro arti. Mangiano elettricità e per cervello hanno un computer che macina pensieri sotto forma di sequenze di numeri. I robot sono sbarcati al Mudec per farvi entrare nel loro mondo strabiliante!
In collaborazione con RobotiCSS Lab, il laboratorio di robotica del Dipartimento di scienze della formazione dell’università di Milano-Bicocca e con L’associazione Yunik il MudecLab si trasforma in un laboratorio di robotica dove cimentarsi tra codici e circuiti nell’arte della programmazione dei robot.

Prenota al link

ROBOT. THE HUMAN PROJECT

ROBOT_2220x1120_AdultiVisita guidata per adulti (75′)

Domenica 8 marzo ore 16.00

Dai primi congegni meccanici dell’antica Grecia alle macchine di Leonardo, dagli automi che stupivano le corti barocche alle moderne meraviglie della tecnologia, l’uomo è sempre stato attratto dall’idea di creare un proprio simile artificiale, il robot. L’avventura della Robotica è un racconto affascinante che il Mudec affronta in una mostra che mette al centro del percorso i robot, tra passato, presente e futuro. Con un approccio fortemente interdisciplinare il pubblico potrà seguire l’evolversi della robotica attraverso un allestimento che esalta l’immersività e l’interazione e dove viene esibita una vasta collezione di esempi storici e moderni, molti dei quali funzionanti, provenienti dai più importanti istituti di ricerca italiani.

Prenota al link

VISIONI D’ARTE – LE MUSE INQUIETANTI. L’ALTRA METÀ DELL’ARTE

Visioni_dArte_08.03.2020-1Domenica 8 marzo alle ore 16.30
Auditorium

L’Associazione Culturale Silvia Dell’Orso, in collaborazione con il Mudec presenta la nona edizione della rassegna quest’anno curata da Paola Scremin e Micol Veller. Con il supporto di documentari di divulgazione va in scena il racconto di chi – artista o architetto, designer o storica dell’arte – ha lasciato tracce importanti del talento delle donne nel patrimonio culturale internazionale.
La quarta giornata è intitolata “Coppie d’assi”.

Frida e Diego
Inedito (3’), Messico, 1953 © Fonoteca Nacional de
Mexico registrazione attribuita alla voce di Frida Kahlo

Il mondo di Ray e Charles Eames
estratto (20’), Usa, 1955,
di Horst Brandeburg © Rm Associates

Jeanne Claude e Christo
(3′), Italia, 2016, © Hartburger blog
 
Umbrellas
estratto (25′), Usa, 1985, di Albert e David Maysles,
© e gentile concessione Maysles Film

Sten & Lex: occhi al cielo
estratto (6’), Italia, 2015 © e gentile concessione
di Fabrizio Boni e Giorgio De Finis
 
Marina Abramovic e Ulay
(3’), Italia, 2016 © Hartburger blog

Imponderabilia
estratto (9’), Italia, 1977, di Mario Carbone
© Archivio Fotografico Mario Carbone

A cura della: Associazione Culturale Silvia Dell’Orso
Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili

RACCONTARSI A MILANO

MUDEC_Banner_1200x628_5Narrazioni al Femminile

Giovedì 12 marzo ore 18:30 – Spazio delle Culture “Khaled al-Asaad”

“Nel saggio Una stanza tutta per sé (1928), Virginia Woolf descrive il rapporto delle donne con la storia come una duplice assenza: non sono loro a farla e tanto meno a scriverla. C’è dunque un «supplemento di storia» che può venire solo dalle donne, e invita in particolare le scrittrici affinché diano spazio nei loro racconti a quegli «oggetti seppelliti» che sono le storie «oscure», «non registrate», del sesso a cui è toccato di essere il fondamento nascosto, misconosciuto, della civiltà.” (Lea Melandri)

Dare voce alle storie delle donne è l’obiettivo delle due esperienze contemporanee di narrazioni al femminile che saranno al centro di questo appuntamento: il Concorso letterario nazionale Lingua Madre, ideato e diretto da Daniela Finocchi attivo dal 2005, e l’antologia “Future. Il domani narrato dalle voci di oggi” (a cura di Igiaba Scego, effequ, 2019). Donne italiane e straniere che raccontano e si raccontano, in trame in cui si mescolano elementi fantastici ed autobiografici. Mentre nel Concorso Lingua Madre il tema è l’incontro con l’Altra da sé, nell’antologia “Future” undici giovani donne afrodiscendenti raccontano le
loro radici e i loro immaginari sul futuro. Narrando i cambiamenti di cui sono protagoniste, queste donne ci
restituiscono una fotografia del Paese e di se stesse che sfida luoghi comuni e stereotipi, ma che è anche
un inno d’amore per un futuro diverso.

Ne parleranno: Tahmina Akter (scrittrice), Daniela Finocchi (Concorso letterario nazionale Lingua Madre),
Marie Moïse (dottoranda in Filosofia politica e co-autrice dell’antologia Future) e Addes Tesfamariam
(ricercatrice e co-autrice di Future). Coordina: Nicoletta Vallorani (Università degli Studi di Milano).

WE ARE FAMILY

ERWITT_ADV_1200x628_VGA_1-1Visita guidata per adulti

Giovedì 12 marzo ore 19.30

Cos’è la famiglia? Esiste una definizione precisa del termine? Attraverso la visione della rassegna fotografica di uno dei più importanti fotografi viventi, Elliott Erwitt, potremo scoprire, attraverso la visita guidata alcune delle sfaccettature di questo inesprimibile concetto.

Prenota al link

ROBOT. THE HUMAN PROJECT

ROBOT_2220x1120_AdultiVisita guidata per adulti (75′)

Giovedì 12 marzo ore 19.30

Dai primi congegni meccanici dell’antica Grecia alle macchine di Leonardo, dagli automi che stupivano le corti barocche alle moderne meraviglie della tecnologia, l’uomo è sempre stato attratto dall’idea di creare un proprio simile artificiale, il robot. L’avventura della Robotica è un racconto affascinante che il Mudec affronta in una mostra che mette al centro del percorso i robot, tra passato, presente e futuro. Con un approccio fortemente interdisciplinare il pubblico potrà seguire l’evolversi della robotica attraverso un allestimento che esalta l’immersività e l’interazione e dove viene esibita una vasta collezione di esempi storici e moderni, molti dei quali funzionanti, provenienti dai più importanti istituti di ricerca italiani.

Prenota al link

ROBOT. THE HUMAN PROJECT

Visita guidata per adulti (75′)

Sabato 14 marzo ore 16.00

Dai primi congegni meccanici dell’antica Grecia alle macchine di Leonardo, dagli automi che stupivano le corti barocche alle moderne meraviglie della tecnologia, l’uomo è sempre stato attratto dall’idea di creare un proprio simile artificiale, il robot. L’avventura della Robotica è un racconto affascinante che il Mudec affronta in una mostra che mette al centro del percorso i robot, tra passato, presente e futuro. Con un approccio fortemente interdisciplinare il pubblico potrà seguire l’evolversi della robotica attraverso un allestimento che esalta l’immersività e l’interazione e dove viene esibita una vasta collezione di esempi storici e moderni, molti dei quali funzionanti, provenienti dai più importanti istituti di ricerca italiani.

Prenota al link