3 events found.

PRESENTAZIONE DEL CATALOGO “QUANDO IL GIAPPONE SCOPRI’ L’ITALIA. ITO MANCIO E LE AMBASCERIE GIAPPONESI 1585-1615”

GIAPPONE_Banner_NL_534x300Venerdì 15 novembre alle ore 15.00
Spazio delle Culture Khaled al-Asaad
Presentazione catalogo

Il volume, a cura di Marisa Di Russo – Corrado Molteni – Marino Viganò, nasce dalla collaborazione tra il MUDEC – Museo delle Culture, l’Università degli Studi di Milano e la Fondazione Trivulzio, e si propone di ripercorrere la storia delle ambascerie giapponesi cristiane in Europa, illustrando, mediante alcuni casi esemplari, i primi rapporti tra l’Italia e il paese del Sol levante. Il testo si compone di quattro saggi critici di approfondimento, corredati da un corposo apparato iconografico:

I. Alessandro Valignano e la missione Tenshō, Marisa Di Russo

II. Itō Mancio e l’«ambasceria» Tenshō, Paola Di Rico e Marino Viganò

III. Luis Sotelo, Hasekura Tsunenaga e l’«ambasceria» Keichō, Alessandro Tripepi

IV. Il Giappone e l’epoca del sakoku, Corrado Molteni

Completano il catalogo le schede di tutte le opere in mostra.
In seguito agli interventi sarà possibile visitare la mostra, ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

Scritti dalla Città Mondo: Tibet: storie celesti a passo di danza

BC19_Mudec_1200x628-1Con Marilia Albanese e Giuliano Boccali

Venerdì 15 novembre alle ore 16:30
Sede: Spazio delle Culture

I misteri sacri (cham) sono rappresentazioni teatrali recitate dai monaci tibetani nei cortili dei loro monasteri in particolari momenti dell’anno. I tre più importanti misteri furono raccolti da Jacques Bacot (1877-1965), uno dei più autorevoli tibetologi e orientalisti del Novecento, già curatore di “Vita di Milarepa”, in questo volume che oggi viene per la prima volta tradotto in italiano.

A cura di Asiateatro.

Scritti dalla Città Mondo: Storie narrate di donne migranti

BC19_Mudec_1200x628-1Con Thamina Akter, Roberta Villa, Daniela Finocchi e Besmir Rrjolli.
Danza tradizionale bengalese:

Anamika Dey

Venerdì 15 novembre alle ore 18:00
Sede: Spazio delle Culture

Le narrazioni presentate provengono dall’antologia che annualmente pubblica il concorso letterario Lingua Madre. Donne forti, caparbie, fantasiose, dolci, che vengono dal futuro, attraversano lo spazio-tempo, si muovono in universi paralleli, ma soprattutto testimoniano la necessità imprescindibile dell’apertura verso l’altro, immaginando mondi in cui la differenza unisce invece di separare. Musiche e danze al femminile accompagnano le letture presentate.

A cura di Associazione Città Mondo in collaborazione con Arci Darfur, Ektara international e Associazione per artisti Ciridì.