5 events found.

INNAMORARSI A MILANO

Amori sconfinati

Mia madre ha chiesto se sei italiana

Evento online sulla pagina FB di Città Mondo

Avreste dovuto metterlo in preventivo, dal momento che avete scelto di emigrare e far nascere e crescere i vostri figli in un paese con usi e costumi opposti ai vostri. Dovevate immaginarlo, che vostra figlia avrebbe anche potuto innamorarsi di un Luca e non solo di un Mohamed” (Rania Ibrahim)
Le coppie miste che si incontrano a Milano, tra NoLo e Giambellino, sono un groviglio di culture, tradizioni ed esperienze distinte. Una serie di racconti per seguire Lei e Lui mentre si prendono le misure, smussano le proprie individualità e se ne vanno in giro per una città che, in fondo, non è troppo abituata a vederli mano nella mano. Perché alla fine, Lei si sentirà sempre chiedere dal postino, raccomandata alla mano, «I signori non sono in casa?» e Lui, all’uscita da scuola, dovrà spiegare che, sì, quello è davvero suo figlio.
Viaggio semi-serio nella quotidianità delle coppie miste, accompagnato da una cornice serissima su un fenomeno in crescita, nel tentativo di raccontare la percezione delle e sulle coppie miste tanto a Milano quanto nella storia.
Con: Jada Bai (Fondazione Italia Cina), Lidia Manzo (Università degli Studi di Milano) e con letture di brani e proiezioni di immagini della fumettista Valeria Weerasinghe. Coordina: Nadeesha Uyangoda.

EMIGRARE A MILANO

La mia nonna mi ha insegnato a cantare “O mia bela Madunina”

Giovedì 5 novembre ore 18:30

Evento online sulla pagina FB di Città Mondo

Le ragazze e i ragazzi di Swap (Share With All People, condividere con tutti), sono un gruppo di giovani di diverse radici nazionali e religiose – di cui la maggioranza italo-egiziani- musulmani e copti – che, nel 2013, si sono riuniti in un’associazione studentesca dell’Università Cattolica di Milano aperta a chiunque avesse voglia di condividere le proprie esperienze di vita.

Confrontandosi, hanno trovato un filo rosso che lega molte delle loro storie: una “nonna” italiana acquisita; una donna che ha avuto per loro una speciale funzione di mentore, che li ha accolte/i, accudite/i in un rapporto di reciproco affetto e supporto, aiutate/i a fare i compiti, a parlare con le maestre, facilitando anche i loro genitori ad interagire con la società circostante. Una figura spesso silenziosa ed invisibile che ha però avuto un ruolo essenziale nel percorso di trasmissione di valori per le/i giovani italiani con una doppia cultura da gestire e codificare.

“Riconoscere il loro aiuto è necessario per rigenerare ciò che ci è stato tramandato e ritrasmetterlo a nostra volta”, dicono gli Swappers. Da qui, l’idea di raccogliere altre esperienze analoghe attraverso una Call For Experiences che porterà poi ad una selezione di storie e aneddoti che verranno condivisi insieme al pubblico del Mudec. Ci racconteranno le loro esperienze: Angela Elizabeth de Ocampo, Alex Iraheta, Jasmin El Habak, Valeria Bhna e Mariam El Habak. Coordina Wael Farouq

A cura di Associazione Swap 

LAVORARE A MILANO

Ho scelto Milano. Qualità e virtù della città più attrattiva d’Italia, meta dell’eccellenza internazionale

Giovedì 19 novembre ore 18:30

Evento online sulla pagina FB di Città Mondo

Milano ha vissuto un lungo momento di rinascimento: sede di diverse aziende multinazionali, tappa irrinunciabile dei tour turistici, nelle sue università ospita un numero sempre maggiore di studenti stranieri e ha realizzato manifestazioni capaci di attirare un numeroso pubblico anche da oltre confine. I cavalli di battaglia del Made in Italy, moda, design, ricerca scientifica, a Milano vengono esaltati e celebrati. Merito di tanto successo è anche delle professioniste che hanno scelto Milano come luogo in cui esercitare le proprie competenze e compiere le proprie aspirazioni. Spesso nate in altre città italiane o in altri continenti, oggi fanno parte del tessuto produttivo e rappresentano le voci alla guida della Città. Quali progetti hanno costruito e quanti traguardi desiderano ancora raggiungere?

Quali ricette per la ripartenza – post pandemia – vogliono confidare ai milanesi?

Ne parliamo con alcune delle protagoniste: Camila Blanco (lighting designer e docente),

Meryem Bursali (interior designer e imprenditrice), Maria Grazia Magro (responsabile Strategy and Scientific Affairs Human Technopole), Natasha Slater, (pr e fondatrice di Dinner Conversations). Coordina: Kibra Sebhat.

LAVORARE A MILANO

Milano tra inclusività e rappresentazione

Giovedì 26 novembre 18.30

Evento online sulla pagina FB di Città Mondo

BAME: Black And Minority Ethnics. Due domande. Quanto è difficile sfondare nel mondo del lavoro a Milano quando non solo sei donna, ma sei una donna nera o di origini straniere?

E dopo, come sopravvivere in un ambito in cui spesso sei l’unica persona nera nella stanza?

Una conversazione, con interventi di giovani donne che con creatività, competenze e strumenti social hanno riscritto un copione che le rappresentava male, non le narrava affatto o le voleva relegate a un ruolo minore.

Un incontro, per confrontare esperienze lavorative e consigli, raccontarci i successi e riflettere sulle difficoltà.

Un obiettivo, conoscersi e creare quella rete — di protezione e di risorse — necessaria per superare il paradigma dell’unica persona nera nella stanza.

Con: Macoura Fofana (@macyfancy, blogger) e Aya Mohamed (@milanpyramid, blogger). Coordina Nadeesha Uyangoda.

DOCUCITY

Concorso per film e video

Le città delle donne

Sabato 5 dicembre ore 16:00 – Auditorium

“Docucity/Le città delle donne”, è un concorso video aperto a documentari e opere di non-fiction che affrontino in modo creativo il tema della presenza attiva e delle esperienze di donne di diverse comunità e culture che vivono in contesti metropolitani italiani, con una particolare attenzione alla realtà milanese.

L’idea centrale del progetto risiede nella volontà di raccogliere – attraverso testimonianze, documenti e riflessioni – spunti che raccontino la complessità delle vite delle tante donne di tutto il mondo che in Italia lavorano, studiano, si incontrano, creano, si innamorano…

Le opere iscritte verranno visionate e valutate da una Giuria composta da: Jada Bai (Fondazione Italia-Cina), Sergio Di Giorgi (critico cinematografico), Laura Graziano (Comune di Milano), Ana Maria Pedroso Guerrero (Associazione Culturale Cubeart), Sofia Salvatierra (film-maker) e Chiara Zanini (critica cinematografica).

I film finalisti verranno proiettati a partire dal pomeriggio. A seguire, la cerimonia di premiazione del film vincitore del “Premio Milano Città Mondo #05”. Coordinano: Chiara Martucci e Nicoletta Vallorani (Università degli Studi di Milano).

In collaborazione con Università degli Studi di Milano e CTU

Aperitivo offerto da Università degli Studi di Milano c/o bar Bartolini