293 eventi trovati.

LA SPOSA DEL SOLE


Venerdì 11 ottobre ore 20.00
Sede: Teatro Gerolamo – Milano, Piazza Beccaria, 6
SPETTACOLO
Si tratta di una rielaborazione, a cura della Compagnia Marionettistica Carlo Colla & Figli, dello storico spettacolo tradizionale “La Gheisa dei topi”, tratto da una omonima fiaba giapponese. Il villaggio dei topi è in grande agitazione perché un semplice e povero topolino ambisce all’amore della più bella topolina, vezzosa danzatrice. Ma i concittadini decidono che la bella venga offerta in sposa all’essere più forte della terra: il Sole. All’inizio del novecento lo spettacolo ebbe già un grande successo, ma quei personaggi con muso e zampine da topo non piacquero alle signore e ai bambini che frequentavano la storica sala di Piazza Beccaria, piuttosto impressionati da quelle fattezze così realistiche. Fu così che, dopo qualche tempo, Carlo II Colla trasformò la fiaba ne “La sposa del Sole”: non più personaggi-animali sulla scena ma esser umani in carne ed ossa, si fa per dire.La drammaturgia si sviluppa in una sorta di parabola, un viaggio fantastico e allegorico fra le forze della natura che condurrà a riconsiderare la dimensione umana e il valore del giovane amante.

INCANTI GIAPPONESI. I SAMURAI

Education_Oriente_1200x628_samuraiQuattro appuntamenti dedicati alla cultura giapponese: i samurai, il kakemono, gli origami, le carpe Koy.
I SAMURAI
Sabato 12 ottobre alle ore 11.00
Laboratorio creativo (45’) + visita guidata (45’)
Visita guidata alla mostra e laboratorio dedicato alla storia delle antiche maschere dei Samurai che da oggetto di protezione si sono trasformate in strumento di paura! Le famiglie potranno costruire le loro maschere da samurai e decorarle secondo i colori e i simboli tipici del Sol Levante.
Costo: € 17 bambini (biglietto 8€ + Visita 9€ ) ;
€ 21 adulti (biglietto singolo ridotto 12€ + Visita 9€ )

Prenota al link 

LA SPOSA DEL SOLE


Sabato 12 ottobre ore 16.00 – 20.00
Sede: Teatro Gerolamo – Milano, Piazza Beccaria, 6
SPETTACOLO
Si tratta di una rielaborazione, a cura della Compagnia Marionettistica Carlo Colla & Figli, dello storico spettacolo tradizionale “La Gheisa dei topi”, tratto da una omonima fiaba giapponese. Il villaggio dei topi è in grande agitazione perché un semplice e povero topolino ambisce all’amore della più bella topolina, vezzosa danzatrice. Ma i concittadini decidono che la bella venga offerta in sposa all’essere più forte della terra: il Sole. All’inizio del novecento lo spettacolo ebbe già un grande successo, ma quei personaggi con muso e zampine da topo non piacquero alle signore e ai bambini che frequentavano la storica sala di Piazza Beccaria, piuttosto impressionati da quelle fattezze così realistiche. Fu così che, dopo qualche tempo, Carlo II Colla trasformò la fiaba ne “La sposa del Sole”: non più personaggi-animali sulla scena ma esser umani in carne ed ossa, si fa per dire.La drammaturgia si sviluppa in una sorta di parabola, un viaggio fantastico e allegorico fra le forze della natura che condurrà a riconsiderare la dimensione umana e il valore del giovane amante.

LA SPOSA DEL SOLE


Domenica 13 ottobre 2019 ore 16.00
Sede: Teatro Gerolamo – Milano, Piazza Beccaria, 6
SPETTACOLO
Si tratta di una rielaborazione, a cura della Compagnia Marionettistica Carlo Colla & Figli, dello storico spettacolo tradizionale “La Gheisa dei topi”, tratto da una omonima fiaba giapponese. Il villaggio dei topi è in grande agitazione perché un semplice e povero topolino ambisce all’amore della più bella topolina, vezzosa danzatrice. Ma i concittadini decidono che la bella venga offerta in sposa all’essere più forte della terra: il Sole. All’inizio del novecento lo spettacolo ebbe già un grande successo, ma quei personaggi con muso e zampine da topo non piacquero alle signore e ai bambini che frequentavano la storica sala di Piazza Beccaria, piuttosto impressionati da quelle fattezze così realistiche. Fu così che, dopo qualche tempo, Carlo II Colla trasformò la fiaba ne “La sposa del Sole”: non più personaggi-animali sulla scena ma esser umani in carne ed ossa, si fa per dire.La drammaturgia si sviluppa in una sorta di parabola, un viaggio fantastico e allegorico fra le forze della natura che condurrà a riconsiderare la dimensione umana e il valore del giovane amante.

ITO MANCIO. LA STORIA DI UN RITRATTO

GIAPPONE_2220x1120
Giovedì 17 ottobre alle ore 18.30
Sede: Sala Khaled al-Asaad
CONFERENZA
In una collezione privata milanese appare, nel 2009, un curioso dipinto che viene identificato, in seguito al restauro, come appartenente alla scuola veneta ed eseguito da un artista eccellente. Sulla tela si affaccia il busto di un giovane rappresentato di tre quarti e abbigliato secondo la moda spagnola del tardo XVI secolo. L’elemento che rende il dipinto davvero singolare è l’esplicita fisionomia orientale del protagonista. Si tratta infatti, come identificato dalle diciture sulla tela stessa, di Itō Mancio, nipote di Yoshishige, signore di Bungo, e capo dell’ambasceria Tenshō.
In occasione della mostra “Quando il Giappone scoprì l’Italia” il Mudec ha il piacere di presentare una conferenza di approfondimento relativa all’affascinante storia collezionistica di questo eccezionale ritratto.
A cura della Fondazione Trivulzio.
Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti disponibili.

Laboratorio di lingua e cultura Giapponese

EURASIA_19.10_1200x628-1Sabato 19 ottobre alle ore 16.00
Bambini tra i 6 gli 11 anni
Laboratorio gratuito organizzato in collaborazione con la scuola di lingua giapponese Eurasia Language Academy.
Le famiglie, guidate da insegnanti madrelingua, impareranno a presentarsi, a salutare in giapponese e assisteranno al Kamishibai, uno spettacolo teatrale di carta antenato dei famosissimi anime giapponesi.
Il laboratorio proseguirà con la realizzazione degli origami e la scoperta dello Shodo: l’arte giapponese della calligrafia.
L’ ingresso e la partecipazione all’evento sono gratuiti con obbligo di prenotazione tramite il seguente link.
Insieme alla prenotazione di un bambino tra i 6 e gli 11 anni è obbligatoria l’iscrizione di un adulto.
 

IMPRESSIONI D'ORIENTE. Arte e collezionismo tra Europa e Giappone

Visita guidata per adulti2220x1120
Sabato 19 ottobre ore 15.00
La visita guidata permetterà di avere una panoramica dettagliata sul clima artistico europeo di fine XIX secolo, influenzato dalla cultura giapponese, finalmente accessibile dopo secoli di chiusura geografica e culturale. Si potranno ammirare capolavori di grandi artisti europei – da Gauguin a Toulouse-Lautrec, da De Nittis a Segantini – esposti insieme a xilografie di maestri giapponesi di altissimo pregio come Hiroshige e Utamaro.
Prenota al link

INCANTI GIAPPONESI. I SAMURAI

Education_Oriente_1200x628_samuraiQuattro appuntamenti dedicati alla cultura giapponese: i samurai, il kakemono, gli origami, le carpe Koy.
I SAMURAI
Domenica 20 ottobre alle ore 15.00
Laboratorio creativo (45’) + visita guidata (45’)
Visita guidata alla mostra e laboratorio dedicato alla storia delle antiche maschere dei Samurai che da oggetto di protezione si sono trasformate in strumento di paura! Le famiglie potranno costruire le loro maschere da samurai e decorarle secondo i colori e i simboli tipici del Sol Levante.
Costo: € 17 bambini (biglietto 8€ + Visita 9€ ) ;
€ 21 adulti (biglietto singolo ridotto 12€ + Visita 9€ )

Prenota al link 

IMPRESSIONI D'ORIENTE. Arte e collezionismo tra Europa e Giappone

Visita guidata per adulti2220x1120
Giovedì 24 ottobre ore 19.00
La visita guidata permetterà di avere una panoramica dettagliata sul clima artistico europeo di fine XIX secolo, influenzato dalla cultura giapponese, finalmente accessibile dopo secoli di chiusura geografica e culturale. Si potranno ammirare capolavori di grandi artisti europei – da Gauguin a Toulouse-Lautrec, da De Nittis a Segantini – esposti insieme a xilografie di maestri giapponesi di altissimo pregio come Hiroshige e Utamaro.
Prenota al link

WE ARE FAMILY

ERWITT_ADV_1200x628_VGA_1-1Visita guidata per adulti
Giovedì 24 ottobre ore 19.30
Cos’è la famiglia? Esiste una definizione precisa del termine? Attraverso la visione della rassegna fotografica di uno dei più importanti fotografi viventi, Elliott Erwitt, potremo scoprire, attraverso la visita guidata alcune delle sfaccettature di questo inesprimibile concetto.
Prenota al link