Monumento a Sandro Pertini

Autore: Aldo Rossi
Collaboratori: Morris Adjmi e Francesco Saverio Fera
Titolo: Monumento a Sandro Pertini
Datazione: 1988-1990
Collocazione: piazza Croce Rossa, Milano

In alto: Aldo Rossi, Monumento a Sandro Pertini, 1988-1990, foto Marco Introini, © Eredi Aldo Rossi, courtesy Fondazione Aldo Rossi.

Un cubo/scalinata di otto metri di lato, rivestita da moduli in marmo di cm 50 x 25 x 25, ospita una gradinata culminante in un belvedere. Sul retro, un’apertura triangolare segnata da una spessa cornice in bronzo fa scendere l’acqua in una vasca sottostante. A completamento della sistemazione della piazza, curata da Rossi stesso, due lapidi marmoree a filo terra recano la scritta: METROPOLITANA MILANESE / ALLA CITTÀ MCMXC.

Il monumento-fontana dedicato a Sandro Pertini, Presidente della Repubblica dal 1978 al 1985 è collocato tra via Manzoni e via dei Giardini, di fronte a via Montenapoleone. Commissionato dal Comune di Milano e fatto costruire da Metropolitana Milanese su incarico diretto ad Aldo Rossi, fu inaugurato il primo maggio del 1990, con una commemorazione ad opera del Presidente Francesco Cossiga. Come spesso accade, anche in questo caso le reazioni a caldo di parte dell’opinione pubblica furono accese e talora negative.

Oggi il centro di Milano vanta un segno di grande rilievo di uno tra i più influenti architetti italiani della seconda metà del Novecento, Pritzker Laureate nel 1990 e noto a livello internazionale. L’opera ha inoltre acquisito, come era nelle intenzioni del progettista, una funzione di punto d’incontro e di aggregazione, al di là della sua natura di memoriale. La forma del cubo rimanda al progetto mai realizzato per un Monumento alla Resistenza, ideato da Rossi nel 1962 a Cuneo, con la differenza che quello che allora era un sacello chiuso ed ermetico si apre in piazzetta Croce Rossa alla cittadinanza e al suo fluire a volte tranquillo altre più animato. Ci si ferma a sedere sui gradoni a leggere, a mangiare qualcosa, a immortalare la propria immagine sul bel fondo marmoreo, per destinarla ai social o per inviarla agli amici. I blocchi in marmo di Candoglia si legano poi in modo evidente alla storia cittadina, come chiaro rimando al marmo usato per il Duomo di Milano.

Top