Il Museo delle Culture di Milano

Storia del museo

Il progetto del Museo delle Culture ha origine negli anni 1990 quando il Comune di Milano acquista la zona ex industriale dell’Ansaldo per destinarla ad attività culturali. Le fabbriche dismesse, veri e propri monumenti di archeologia industriale, sono state trasformate in laboratori, studi e nuovi spazi creativi. In questo scenario il Comune di Milano progetta un polo multidisciplinare dedicato alle diverse testimonianze e culture del mondo, sede espositiva delle civiche Raccolte etnografiche.
Il Museo delle Culture, concepito in un contesto socio-economico molto diverso dall’attuale, ha dovuto essere ripensato alla luce di una complessità forse non immaginabile alla fine degli anni Novanta.
La vocazione interculturale che lo ha ispirato trova oggi la sua espressione in un progetto capace di rispondere alla chiamata, negli anni sempre più partecipata, del pubblico culturale in un panorama in continua trasformazione per le istituzioni museali, la loro sostenibilità e la loro identità tra ricerca scientifica, testimonianza storica, interpretazione della contemporaneità e visione sul futuro. Il visitatore del Museo delle Culture potrà visitare grandi mostre internazionali declinate attraverso i diversi linguaggi artistici, conoscere il patrimonio etno-antropologico delle collezioni del Comune di Milano composte da oltre 7000 opere d’arte, oggetti d'uso, tessuti e strumenti musicali provenienti da tutti i continenti, partecipare a una programmazione di eventi e iniziative a cura delle comunità internazionali presenti sul territorio.

L'architettura

Nato da un’operazione di recupero di archeologia industriale nell’area dell’ex fabbrica Ansaldo, in zona Tortona, il MUDEC è luogo d’incontro fra le culture e le comunità. All’interno dell’edificio si sviluppano diversi spazi che offrono al visitatore e alla città una molteplicità di proposte culturali e di servizi, distribuiti su 17.000mq. L’area espositiva del Museo, al primo piano, si sviluppa intorno ad una grande piazza centrale coperta e ospita la sezione del percorso museale con le opere della collezione permanente e le sale dedicate alle grandi mostre temporanee.
Completa lo spazio l’auditorium, un teatro da trecento posti dedicato alle performance e alle arti visive.Il piano terra destinato all'accoglienza, è dotato di bistrot, design store, biglietteria, guardaroba, sala Forum delle Culture, sala conferenze-spazio polifunzionale, spazio per la didattica, laboratorio di restauro e depositi allestiti per essere visitati da piccoli gruppi accompagnati. Il MUDEC Junior, infine, è uno spazio appositamente dedicato ai bambini, dove ci si propone di avvicinare anche i più piccoli alle diverse culture del mondo attraverso attività ludiche, postazioni multimediali e laboratori manuali
Mudec - Museo delle culture
L'edificio visto dall'esterno
© Photo OskarDaRiz
Mudec - Museo delle culture
La hall del museo
© Photo OskarDaRiz
Mudec - Museo delle culture
Lo scalone in pietra nera che conduce al piano delle esposizioni
© Photo OskarDaRiz
Mudec - Museo delle culture
La piazza coperta dalle geometrie libere e organiche - particolare
© Photo OskarDaRiz
Mudec - Museo delle culture
La piazza coperta dalle geometrie libere e organiche - particolare
© Photo OskarDaRiz
Mudec - Museo delle culture
La piazza coperta dalle geometrie libere e organiche - particolare delle vetrine polilobate
© Photo OskarDaRiz

Forum della Città Mondo

Il Museo delle Culture si propone di essere un polo in costante dialogo con le comunità internazionali presenti a Milano, capace di intercettare la pluralità delle culture della città e di restituirne la complessità tra ricerca scientifica, testimonianza storica e interpretazione dell'attualità.
Per questo il Comune ha sottoscritto con l’Associazione Città Mondo una convenzione destinata a dare sostanza alla natura interculturale dello spazio tramite la partecipazione attiva delle comunità internazionali alla programmazione dell’attività del Museo. A questo fine la convenzione prevede la concessione di utilizzo di due spazi del Museo:
lo “Spazio Attività Organizzative” di 115 mq, quale sede organizzativa dell'Associazione Città Mondo e luogo per gli incontri dei Tavoli di Lavoro del Forum: Museo delle Culture, Donne e Culture, Alimentazione e Orti urbani, Comunicazione ed Eventi Culturali, Partecipazione e Cittadinanza Attiva.

lo “Spazio delle Culture Khaled al-Asaad” di 137 mq è un laboratorio creativo per la realizzazione di attività culturali ed espositive nei diversi linguaggi dell’arte (musica, arte visiva, performance, ecc), aperte al pubblico e coerenti con le finalità del Museo, comprese conferenze, corsi, laboratori e incontri interculturali.
Questo spazio sarà utilizzato in condivisione con altri attori e ospiterà anche attività diverse approvate dalla Direzione scientifica del Museo.
L’Associazione Città Mondo, costituitasi nel settembre 2013, coordina le attività del Forum della Città Mondo, promosso dall’Assessorato alla Cultura sin dal 2011 come luogo di partecipazione di oltre 500 associazioni rappresentative delle numerose comunità internazionali predenti sul territorio.
L’Associazione è un organismo di secondo livello che attualmente comprende 89 associazioni rappresentative delle varie comunità internazionali, di cui 20 delle Americhe, 23 dell’Africa, 25 dell’Europa e 12 di Asia e Oceania.

Il Tavolo Museo delle Culture in collaborazione con l'Associazione Città Mondo ha progettato e progetta costantemente una serie d’iniziative, eventi e conferenze culturali, da tenersi nello "spazio delle Culture Khaled al-Asaad" del Mudec. Le proposte, in linea con la mission del museo provengono dai membri del Forum della Città Mondo e vengono selezionate in accordo con la direzione scientifica del Mudec. Fra queste una proposta di dialogo fra la cultura armena e quella italiana per promuovere la salvaguardia del patrimonio artistico armeno, una conferenza sul tema della rappresentazione grafica araba e indiana, sempre sul tema della scrittura una presentazione sulla calligrafia come arte in Cina e Giappone e ancora una presentazione di 35 giochi di strada da tutto il mondo..

La Biblioteca

Con un patrimonio di oltre 4000 opere e fondi bibliografici accessibili al pubblico su appuntamento, la Biblioteca del Museo delle Culture rappresenta un punto di riferimento per la ricerca in ambito etno-antropologico e di storia delle arti non europee in continuo sviluppo grazie ad acquisizioni e donazioni bibliografiche. 

Biblioteca Mudec - Museo Delle Culture– via Tortona, 56 - 20144 Milano
email: C.BiblioCultureAnsaldo@comune.milano.it

Orari di apertura:
dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 13.30 su appuntamento

La Biblioteca del Museo delle Culture ha recentemente acquisito numerose donazioni di privati, che hanno arricchito notevolmente il patrimonio librario. Tra queste le più importanti sono: la donazione Aldo Lo Curto, composta da più di 600 elementi tra libri e materiale multimediale; la donazione Segre, di cui si contano più di 100 opere; la donazione Sauro Baldi con circa 1000 testi, per la maggior parte sulle civiltà dell’America Latina; la donazione Ricci (per intermediazione dell’Associazione Amici Sala delle Asse) con più di 100 libri che abbraccia principalmente aree geografiche dell’India, della Cina e del Giappone. Negli ultimi anni si è data anche molta importanza allo scambio librario con altri musei e istituzioni, per questo il patrimonio librario del museo è in continuo aumento. 


Dati anagrafici completi:
Biblioteca del Museo Delle Culture - ex Ansaldo - via Tortona, 56 - 20144 Milano
tel. 02/88463614 - 02/88463724
e-mail: C.BiblioCultureAnsaldo@comune.milano.it
Denominazione dell’ente di appartenenza: Comune di Milano
Orario: accesso possibile su appuntamento
Servizi: consultazione, riproduzione
Patrimonio librario: 4.000 monografie (ambiti disciplinari: arte dei popoli del mondo, antropologia dell'arte e l'antropologia culturale, etnografia, museografia, scoperte e esplorazioni, etnomedicina); cataloghi d’arte; periodici spenti e periodici correnti; video; fotografie.
Fondi speciali: Fondo Aldo Lo Curto
Tipologia amministrativa e funzionale: biblioteca appartenente al Comune, specializzata

Mission

Il Museo delle Culture di Milano è un centro dedicato alla ricerca interdisciplinare sulle culture del mondo, dove a partire dalle collezioni etnografiche e in collaborazione con le nostre comunità, si intende costruire un luogo di dialogo attorno ai temi della contemporaneità attraverso le arti visive, performative e sonore, il design e il costume.
Sono obiettivi fondanti del museo:

> la ricerca, collezione e tutela delle espressioni di cultura materiale e immateriale delle popolazioni non europee

> la promozione della partecipazione pubblica alla valorizzazione del patrimonio passato presente e futuro del museo,
> la promozione di un dialogo attivo con le comunità di riferimento: sia quelle identificate nel Forum della Città Mondo, sia quelle di quei gruppi specifici che riconoscono il patrimonio del museo come elemento fondante della propria identità culturale, di elezione, professionale, e di ispirazione per la propria creatività.

Governance

MUDEC presenta una governance innovativa con una formula di gestione in partnership tra pubblico e privato che vede insieme il Comune di Milano e 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE. La partnership, raggiunta mediante la selezione con procedura di evidenza pubblica, rappresenta un’importante e pioneristica soluzione capace di rispettare l’identità del polo culturale e allo stesso tempo rispondere alla necessità di efficienza e sostenibilità. La direzione scientifica, la conservazione, la valorizzazione del patrimonio, il coordinamento delle attività del Forum delle Culture sono affidati al Comune di Milano; 24 ORE Cultura la realizzazione delle grandi mostre temporanee e la gestione dei servizi aggiuntivi.
Si è determinata così una significativa esperienza - la prima in Italia- di collaborazione tra soggetto profit e soggetto no profit che, oltre a fondarsi sulla condivisione di know how, genera dinamiche virtuose di gestione culturale e fa nascere a Milano un nuovo polo culturale che offre, accanto al museo e agli appuntamenti espositivi temporanei, una molteplicità di servizi che vanno dalla caffetteria al design store, dal ristorante al parcheggio pubblico.

comunelogo

 

Sindaco
Giuseppe Sala

Assessore alla Cultura
Filippo del Corno

Direttore Centrale Cultura
Giulia Amato

Direttore progetto scientifico
Marina Pugliese

Direttore
Museo delle Culture
Anna Maria Maggiore

Coordinatore Amministrativo
e Gestionale

Eugenio Petz

Conservatori
Carolina Orsini
Iolanda Ratti
Omar Cucciniello

Ufficio Prestiti
Cristina Filippi

Ufficio Amministrativo
Renato Rossetti
Elisa Errico
Eugenio Arcieri

Ufficio Tecnico
Giuseppe Braga

Segreteria
Susi Silvestre

Bibliotecaria
Giulia Gaudiano

Responsabile Comunicazione
Polo Arte Moderna
e Contemporanea

Clementina Rizzi

Ufficio Stampa
Comune di Milano

Elena Conenna

Settore Valorizzazione
Patrimonio Artistico
Sicurezza Musei
e Sedi Espositive

Marta Giannotti
Annalisa Santaniello
Emanuela Gatti

Ufficio Reti
e Cooperazione Culturale

Bianca Aravecchia
Alessandra Cecchinato
Margehrita Saputo
Riccardo Tamburini
Maria Elena Santomauro

 

 logo24ore

 

Responsabile Mudec
Simona Serini
Con il contributo di
Marilù Manta

Responsabile Ufficio Mostre
e Bookshop

Francesca Biagioli
Ufficio Mostre 

Coordinamento


Alberta Crestani
Ufficio mostre
Francesca Calabretta
Silvia Iannelli

Registrar
Sandra Serafini
Bookshop
Marta Miglierina
Roberta Proserpio
Intern
Claudia Antelli
Reonsabile Ufficio
Commerciale e Marketing
Fund Raising, Eventi
e Iniziative Speciali

Chiara Giudice
Fund Raising, Eventi
e Iniziative Speciali
Coordinamento
Francesca Belli
Giulia Mordivoglia
Con il contributo di
Valentina Battarra
Massimo Navoni
Letizia Rossi
Ilaria Villani
Intern
Viola Suzzani
Marketing
Sara Lombardini
Silvia Riboni
Aurora Portesio
Maria Luisa Chioda
Ufficio Sviluppo
Paola Cappitelli
Con il contributo di
Lucia Benaglio
Ufficio Stampa
con il contributo di
Stefania Coltro
Michela Beretta

Social Media
Tiziana Leopizzi

Responsabile Operations
Alessandro Volpi

Ufficio Operations
Elena Colombini
Elisabetta Colombo
Giorgia Montagna
Con il contributo di
Christian Abbiati
Cavola Francesca

 

Responsabile editoriale
Balthazar Pagani

Editor
Chiara Savino

Ufficio editoriale
Chiara Bellifemine
Nicoletta Grassi

Diritti e distribuzione
internazionale
Simona Scuri

Caporedattore
Giuseppe Scandiani

Redazione
Stefania Vadrucci

Responsabile ufficio
tecnico e  grafico
Maurizio Bartomioli

Responsabile ufficio
iconografico
Gian Marco Sivieri

Ricerca iconografica
Alessandra Murolo

Progetto educationCon il contributo di
Maria Elena Magro

Visite Guidate
Ad Maiora

Biglietteria
Ticket 24 ORE

Servizi di Guardiania
Domina Scarl

Audioguide
Antenna International
Audioguide
Antenna Audio International

Servizi
Domina Scarl

Motion Design // Alessandro Iacobino

Music & sound design // Giovanni Dubini –
Hofkapellmeister GmbH Berlin
 
Top