Patrimonio Tessile e Strumenti Digitali: Interpretazioni Progettuali delle Caratteristiche Transculturali del Batik

“Incontri ed eventi”
Giovedì 5 luglio ore 19.00

a cura di Dott.ssa Lucie Decker, Dott.ssa Eugenia Moropurgo, Dott. Marco Torcolacci e Dott. Giovanni Lela.

In occasione del progetto espositivo “Dal batik all’Art Nouveau. Il filo che unisce oriente e occidente” presso lo Spazio delle Culture Khaled Al-Asaad fino al prossimo 26 agosto, il Mudec è lieto di ospitare l’incontro che verterà sulle riflessioni che giungono riguardo alle problematiche sulle identità iconografiche e le tecniche nell’ambito tessile e che fondano l’impianto teorico dei progetti che verranno presentati. Nello specifico gli elaborati prendono spunto dalla dimensione processuale del tessuto Batik, in quanto soggetto a trasposizioni geografiche e a processi di traduzione a livello tecnico e iconografico, dovuti parzialmente al colonialismo. I progetti vedono in un primo momento il generarsi una grafica digitale che rimanda nelle fattezze estetiche, quella che può essere una tela Batik sulla base di una serie di “dati nascosti” e in un secondo momento il realizzarsi della grafica grazie alla macchina digital wax print, che può essere intesa come interpretazione e evoluzione a livello digitale della tecnica artigianale del batik. Tali strumenti generano dunque delle traduzioni a livello iconografico e tecnico rappresentanti di nuove Identità del Batik.

Incontro a ingresso gratuito fino esaurimento posti (max. 20 persone).
Per informazioni e prenotazioni, inviare mail a: fortuna.pellegrini@fortcom.it

Lucie Decker Textile Designer di origine Francese con un background multidisciplinare, ha sostenuto di recente una ricerca di Dottorato nell’ambito del Design for Cultural Heritage, presso il Politecnico di Milano, e lavora oggi come textile designer nell’ambito della moda.

Marco Torcolacci: Laureato in nuove tecnologie dell’arte e in Comunicazione e Didattica Multimediale. Ha studiato e posto al centro della sua ricerca il fenomeno della traduzione e la questione dell’identità attraverso l’utilizzo di vari medium, con una particolare attenzione al digitale e al video.

Giovanni Lela: Laureato in Comunicazione Digitale nel 2009, successivamente si è occupato di sviluppo web per diversi anni. Attualmente è Tech lead presso LinkMe Sr.

Eugenia Moropurgo: Designer italiana alla ricerca di nuovi processi produttivi e di lavoro nel campo del Digital Crafts. Nel 2009 si è laureata al corso di design industriale dell’Università IUAV di Venezia. Dopo essersi trasferita a The Netherland per frequentare il Master in Social Design presso la Design Academy di Eindhoven. Parallelamente ai suoi studi, ha preso parte al programma di ricerca sull’artigianato e sullo sviluppo dell’Atelier Ruanda, con sede a Kigali, in Ruanda.