La valutazione delle opere d’arte a partire da Basquiat

Domenica 26 febbraio ore 11:00
Sede: Auditorium MUDEC

Relatori: Emilio Mazzoli e Marilena Pirrelli
Capienza della sala: 200 pax (ad esaurimento posti)
Ingresso: gratuito su prenotazione

La prima esposizione personale di Basquiat fu organizzata in Italia nel maggio 1981, a Modena, dal gallerista Emilio Mazzoli. Mazzoli nello stesso anno aveva visitato la mostra “New York / New Wave”, progettata dal critico Diego Cortez al PS1 di New York (uno spazio dedicato alla sperimentazione e all’arte di frontiera dei giovani artisti), insieme ad altri due galleristi: l’italiana Annina Nosei, che aveva una galleria a New York, e lo svizzero Bruno Bischofberger, i quali furono poi i galleristi di Basquiat. Dei tre, Mazzoli fu l’unico ad apprezzare subito il lavoro di Basquiat e, incoraggiato dall’artista Sandro Chia, acquistò alcune sue opere e gli propose di organizzare una mostra nella sua galleria di Modena. Basquiat presentò la mostra non con il proprio nome, ma con l’acronimo SAMO, che dopo Modena non avrebbe più usato in quanto lo inquadrava ancora come rappresentante della nuova scena graffitista.

Marilena Pirrelli, giornalista professionista dal 1991, dal 2002 al Sole 24 Ore nel settimanale di risparmio e investimenti Plus24 del sabato. Ideatrice e responsabile della sezione ArtEconomy24 e del canale tematico sul mercato dell’arte e sull’economia della cultura.
Ha progettato per la 24Ore Business School il Master full time in Economia e management dell’arte e dei beni culturali a Milano e Roma e l’Executive Master in Management dell’Arte e dei Beni Culturali a Roma, dei quali è coordinatore scientifico. Insegna “Arte e relazioni con i media” – “Mercato dell’arte” – “Arte e Investimenti”.
Cura l’account Twitter @24arteconomy e le pagine Facebook arteconomy24

Prenota ora