Globalizzazione, culture e territorio: il Brasile del nuovo millennio

10 maggio 2017 ore 18,00
SEDE: Biblioteca delle Culture

Un incontro organizzato da MUDEC e Università IULM

L’incontro propone un approfondimento sul Brasile di oggi, analizzando le sue trasformazioni multiculturali tra globalizzazione e tradizione, con particolare attenzione ai territori e alle loro mutazioni nel corso dell’ultimo secolo. Il Professor Hindenburgo Francisco Pires specialista di “Desenvolvimento urbano”, dell’impatto dei processi di globalizzazione sui territori latinoamericani e di ristrutturazione territoriale dialogherà con Angelo Turco ,docente di Geografia e Prorettore Vicario dell’Università Iulm, e Antonella Mori, docente di Global Economic Scenarios dell’Università Bocconi e ricercatrice dell’Istituto di Studi Latinoamericani e delle Economie in Transizione – ISLA.

Il Professor Hindenburgo Francisco Pires è docente presso il Dipartimento di Geografia Umana dell’Universidade do Estado do Rio de Janeiro e del programma di post dottorato in Geografia presso la stessa Università Laureato in Geografia presso l’Universidade Federal de Pernambuco nel 1984 si è specializzato in Desenvolvimento Urbano nel 1988. Nel 1996 consegue il dottorato in geografia umana presso l’Universidade de São Paulo e poi il post dottorato presso l’Università di Barcellona. Direttore dell’Istituto di Geografia dell’Universidade do Estado do Rio de Janeiro dal 2004 al 2008 e Direttore rieletto anche per il triennio 2016-2019 oltre che Coordinatore della Câmara Técnica de Educação a Distância. Le sue aree di studio e di interesse scientifico riguardano principalmente i processi della globalizzazione, le politiche pubbliche e la ristrutturazione territoriale, la globalizzazione e il suo impatto sui territori in America Latina e Brasile sui cui ha pubblicato numerose opere. Editor delle pubblicazioni elettroniche dell’Associazione dei Geografi Brasiliani dal 2001 al 2012 è membro di numerosi board di riviste scientifiche brasiliane, americane ed europee.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili